Lingua polacca – 15. La data e l’ora

Con la lezione di oggi ci occupiamo di un aspetto che può apparentemente sembrare banale, ma su cui è utile sapere qualche importante dettaglio grammaticale sia per parlare correttamente e sia per capire quel che sentiamo senza rimanere con un grosso punto interrogativo disegnato sopra la nostra testa. Ciò che ci serve conoscere per esprimere data e ora sono i numeri e i mesi dell’anno, cose già viste in passato e di cui – niente paura – vi riporteremo i link per una veloce ripetizione.
164.1 CalendarioIniziamo con la data (“Quanto ne abbiamo? ” -> “Który dzień mamy? “; “In che giorno…? -> “Którego dnia…?” oppure “W którym dniu…?”), e in particolare con una breve infarinatura teorica sul come esprimere la data completa (giorno + mese + anno). Premettendo che in polacco il giorno è sempre indicato con i numeri ordinali, è bene sapere che il più delle volte una data in una frase ricopre il ruolo di complemento di tempo, ovverosia risponde idealmente alla domanda “quando?”: in polacco si risponde sottintendendo “nel giorno” e declinando giorno, mese e anno al caso genitivo – finali rispettivamente in -ego, -a e -ego (dal momento che operiamo una specificazione). Anche per l’anno si usano i numeri ordinali. Traducendo il tutto con un esempio pratico, se vogliamo indicare quando si è giocata per l’ultima volta una partita di calcio Italia-Polonia, in italiano diciamo “l’undici novembre duemilaundici”, ma in polacco letteralmente suona come “(nel giorno) dell’undicesimo di novembre dell’anno duemilaundicesimo” -> “jedenastego listopada dwa tysiące jedenastego roku”. Il genitivo dunque si ha quando si cita una data per specificare quando un azione si svolge (ripetiamo, parliamo di data provvista del giorno). Tuttavia in una frase una data può ricoprire il ruolo di soggetto, e in tal caso la grammatica ci permette due scenari: possiamo usare la stessa logica di specificazione (e quindi il genitivo appena spiegato), ma possiamo anche citare il giorno al caso nominativo mentre mese ed anno rimangono al genitivo poiché costituiscono sempre una specificazione. Un esempio: “Il 20 febbraio 2002 è palindromo” -> “Dwudziestego (oppure Dwudziesty) lutego dwa tysiące drugiego roku jest palindrom”.
Se andiamo oltre la rigida struttura della data completa e ci limitiamo alla citazione di solo uno o due elementi, è bene ricordare alcuni scenari in base ai quali si adoperano declinazioni differenti. A) Come spiegato pocanzi, per indicare il giorno, possiamo di fatto usare sempre il genitivo (“il 10” -> “dziesiątego”) o tuttalpiù il nominativo se è soggetto. B) Per indicare un mese o un anno, se sono complemento di tempo si usa il caso locativo – finali in -u e in -im/-ym (“ad aprile”, “nel 1983″ ->”w kwietniu”, “w tysiąc dziewięćset osiemdziesiątym trzecim”), mentre si usa il nominativo se sono soggetti della frase (“Questo luglio sarà molto caldo” -> “Ten lipiec będzie gorący”; “Il 1920 è il mio anno preferito” -> “Tysiąc dziewięćset dwugesty jest mój ulubiony rok”). C) Se si cita giorno+mese o mese+anno, il secondo elemento sarà sempre declinato al genitivo, mentre il primo segue le logiche descritte finora in base al loro ruolo di complemento di tempo o di soggetto. D) Chi segue le nostre lezioni già sa che per indicare un arco di tempo (“da…a…” -> “od…do…“) si usa il genitivo. Questo vale sia per i giorni che per i mesi e gli anni, anche se si cita solo uno di questi elementi: “dal 2 al 9” -> “od drugiego do dziewiątego”; “da gennaio a giugno” -> “od stycznia do czerwca” (segnaliamo che febbraio – “luty” – è l’unico ad avere un suffisso diverso al genitivo: “lutego”); “dal 1945 al 2004” -> “od tysiąc dziewięćset czternastego piątego do dwa tysiące czwartego roku”.
 164.2 zegarAdesso invece parliamo dell’ora. Anche qui partiamo con alcuni punti teorici. Per indicare i minuti si usano i numeri cardinali, come in italiano, mentre per le ore (femminili) si usano i numeri ordinali (esempio: h.11:10 -> jedenasta dziesięć – “l’undicesima e dieci”); a differenza dell’italiano, il formato orario usato in polacco è di 24 ore, e non di 12 (18:20 raramente viene espresso con “sei e venti”, ma proprio come “diciotto e venti”). Così come da noi, esiste un registro linguistico ufficiale/formale – ad esempio in stazioni, aeroporti, istituzioni, etc. – e uno più colloquiale/informale. Il registro formale è decisamente più semplice dal momento che è sufficiente usare per ore e minuti rispettivamente i numeri ordinali e cardinali, come nel primo esempio fornito poco fa. Se si vuole usare un registro informale invece bisogna ricordare qualche dettaglio in più dacché la struttura della frase ricorda quella inglese, ovvero: 1) si indicano sempre prima i minuti e poi l’ora; 2) dal minuto 1 al minuto 25 si “aggiungono” i minuti all’ora già scoccata (8:10 -> dziesięć po ósmej – “10min dopo le 8”; 19:20 -> dwadzieścia po dziewiętnastej – “20min dopo le 19”), mentre dal minuto 30 si opera per “conto alla rovescia” (10:35 -> za dwadzieścia pięć jedenasta – “tra 25min le 11”); 20:50 -> za dziesięć dwudziesta pierwsza – “tra 10min le 21”); 3) esistono delle espressioni comunemente usate al posto dei numeri: le dieci e un quarto -> kwadrans po dziesiątej; le dodici e mezzo -> pół do trzynastej (“mezz’ora alle 13”); le venti meno un quarto -> za kwadrans dwudziesta; mezzanotte -> północ; mezzogiorno -> południe.
Tutti gli esempi riportati rispondono di fatto alla classica domanda “che ore sono?” (“która jest godzina?“), e a cui si può rispondere anteponendo all’orario la formula “jest…” (“sono le…“) – non obbligatoria. Se si usa il registro formale si usa il nominativo sia per le ore che per i minuti, e quindi non ci sono problemi di declinazioni. Ma qualche occhio attento – e qualche neofita – ha sicuramente notato che in alcuni dei nostri esempi le ore vengono declinate: si tratta del caso locativo (per le ore la finale è sempre in -ej), e lo si usa quando c’è la preposizione “po“. Stessa cosa anche quando si risponde alla domanda “a che ora…?” (“o której godzinie…?“): alle 7; alle 23 -> o siódmej; o dwudziestej trzeciej. Attenzione: usiamo la preposizione polacca “o” solo se citiamo l’orario partendo dall’ora (alle 6:10 -> o sióstej dziesięć); se infatti iniziamo con i minuti, non la usiamo (alle 10:25 -> dwadzieścia pięć po dziesiątej; alle 14:50 -> za dziesięć piętnasta).
Tenendo a mente queste accortezze i polacchi saranno scioccati dalla nostra accuratezza linguistica, ma se vogliamo sfiorare la perfezione, aggiungiamo tre dettagli ulteriori: 1) Oltre al comunicare l’ora e al dire a che ora si svolge qualcosa, può essere necessario indicare “per che ora” un’azione ha luogo (“na ktorą godzinę“). In questo caso le ore si declinano all’accusativo – finale in –ą: “Na ktorą godzinę zamawiam pizzę?” “Na czternastą dwadzieścia” -> “Per che ora ordino la pizza?” “Per le 14:20” (anche qui, se si indica l’orario iniziando dai minuti, non si usa la preposizione – dwadzieścia po czternastej); 2) Confermiamo che anche le ore si declinano al caso genitivo con le preposizioni da…a -> od…do… (“lavoro dalle 9:00 alle 17:00” -> “pracuję od dziewiątej do siedemnastej”); 3) A proposito di preposizioni facciamo notare che in italiano, se si indica un orario di fine ma non uno di inizio, è necessario dire “fino alle…” (lavoro fino alle 17:00) in quanto la sola preposizione “alle…” dà alla frase un significato diverso: in polacco questa dicotomia non esiste in quanto abbiamo appena visto che “alle…” si traduce con “o…”. Di conseguenza, per dire “fino alle…” si può usare la traduzione precisa “aż do…” ma può tranquillamente bastare la sola preposizione “do“.
Ora siete pronti a bombardare senza tregua i vostri amici con una sfilza di date e orari.

™ All rights reserved

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Lingua polacca e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...