Lingua polacca – 5. Pronomi soggetto e complemento; essere e avere

Nelle scorse lezioni abbiamo visto come è strutturata una frase tipo (soggetto + verbo + complemento/aggettivo), abbiamo osservato come funzionano i sostantivi – proprio quando sono soggetto o complemento – e gli aggettivi ad essi correlati (se ci sono parole o termini non chiari, date un’occhiata alle lezioni precedenti). Abbiamo notato anche che in polacco non esistono gli articoli. Adesso iniziamo ad addentrarci in altri elementi che ci permetteranno di allargare la gamma di frasi che possiamo creare.
Partiamo dai pronomi personali soggetto e complemento oggetto, di cui possiamo vedere una tabella
Pron.   person. soggetto
Pron. person.   complem. oggetto
Io
Ja
me
mnie
Tu
Ty
te
ciebie (cię)
Lui / Lei
On / Ona / Ono
lui / lei
jego (go) / ją / je
Lei (formale)
Pan / Pani
Lei (formale)
Pana / Pani
Noi
My
noi
nas
Voi
Wy
voi
was
Loro
Oni / One
loro
ich
Guardando i pronomi soggetto, vediamo che in polacco si palesa il genere neutro “ono” nella terza persona singolare, come esiste anche un “loro” maschile (ovverosia virile, “oni”) e un “loro” riferito al femminile come anche ai soggetti non virili (“one”). Anche la forma formale distingue il “Lei” maschile (Pan) da quello femminile (Pani).
Tra i pronomi complemento invece ci siamo limitati a riportare le forme contratte “cię” e “go” (in realtà ci sono più varianti, ma è meglio fermarci qui per il momento).
Un’ultima osservazione non riportata nello specchietto riguarda infine la forma formale al plurale: mentre in italiano la forma “Loro” è ormai caduta in disuso, in polacco si utilizza tuttora la terza persona plurale, il cui pronome personale è “Państwo“, sia come soggetto che come complemento.
Il secondo aspetto che vedremo in questa lezione è costituito dai verbi essere -> być e avere -> mieć. Qui sotto, la coniugazione al tempo presente
BYĆ (essere)
MIEĆ (avere)
jestem
mam
jesteś
masz
jest
ma
jesteśmy
mamy
jesteście
macie
mają
L’unica nota che facciamo qui, e che vale per tutti i verbi, è che, ogni persona ha una forma specifica e indistinguibile, proprio come in italiano, e di conseguenza non è necessario usare i pronomi soggetto (Ja jestem Włochem = Jestem Włochem). Qui di seguito, qualche altro esempio per praticare i pronomi personali:
Ty jesteś dobry – Tu sei buono
My widzimy was – Noi vediamo voi
Ja kocham ciebie (cię) – Io amo te
Oni witają jego – Loro salutano lui
Pan dobrze widzi – Lei (formale, signore) vede bene
Pani widzi mnie – Lei (formale, signora) vede me
On rozumie Pana – Lui capisce Lei (formale)
Czy Państwo czegoś potrzebują? – (formale) Avete bisogno di qualcosa?
L’ultimo elemento di oggi è la forma italiana “c’è / ci sono“, che usiamo per indicare che “da qualche parte” “si trova” qualcosa o qualcuno. In polacco è estremamente simile, poiché per il singolare si usa “jest“, e per il plurale ““. Ma attenzione: quando si usano gli aggettivi “poco” (mało) e “molto” (dużo), si usa “jest” anche se il soggetto è plurale (come dire: c’è una piccola/grande quantità di…). Alcuni esempi:
In questa stanza c’è una sedia – W tym pokoju jest krzesło
In questa università ci sono dei libri – Na tym uniwersytecie  książki
In questa università ci sono pochi/molti libri – Na tym uniwersytecie jest mało/dużo książek
Se avete difficoltà a capire qualcosa consigliamo di ripetere qualche lezione precedente, anche perché dalla prossima puntata iniziano altre tappe in salita…
™ All rights reserved
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Lingua polacca e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Lingua polacca – 5. Pronomi soggetto e complemento; essere e avere

  1. Zalkova ha detto:

    Spero di non essere scortese se mi permetto di notare una cosa:
    “Na tym uniwersytecie są (jest) dużo książek”: In questo caso con “dużo” si puo’ usare soltanto il singolare del verbo essere. “Na tym uniwersytecie jest dużo książek”, ma “Na tym uniwersytecie są książki” quindi la frase “Na tym uniwersytecie są dużo książek” e’ sbagliata

    Per “loro” manca ancora il pronome personale complemento oggetto per il femminile: “je”. Per esempio: widzę ich (vedo i maschi); li vedo
    widzę je (vedo le femmine); le vedo

    • polacca ha detto:

      Si usa “jest dużo książek” ma non “są dużo książek”.

      “Dużo” significa “tanto” ma in questo caso dovete pensare di “dużo” come di “una grande quantità di qualcosa

      In quesit 2 casi funziona in modo simile: “c’e una grande quantità di libri”, allora “jest dużo książek.”

      Dicendo “są dużo książek” è come dire “ci sono una grande quantita di libri” –> è sbagliato

  2. Grifoni Roberto ha detto:

    non posso commentare niente è il primo giorno che sono nel VS. sito, vorrei tanto iniziare a parlare ma di piu’ capire il Polakko. Grazie per quello che potrete fare . GRIFONI RIBERTO .GOTLICE PL.

  3. Pingback: Lingua polacca – 7. Saluti, presentazioni, congedi e auguri | Qui Polonia & Italia™

  4. Pingback: Lingua polacca – 10. Numeri ordinali e cardinali | Qui Polonia & Italia™

  5. Pingback: Lingua polacca – 11. Il tempo presente | Qui Polonia & Italia™

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...